Una cassetta nido: Un gesto concreto, anzi due ! Per la difesa della natura. Per il sostegno alle attività del comitato.

Il Comitato per il Parco Locale del Monte di Brianza, al fine di finanziare le proprie attività, ha pensato ad un modo coerente e compatibile con la proposta che sta portando avanti: la vendita di cassette nido per uccelli.
Comprare un cassetta nido comporta due gesti concreti per la natura: sostenere un gruppo di persone che si sta impegnando per dare un futuro al nostro ambiente ed aiutare “a trovare casa” ad alcune specie di volatili che nel nostro territorio sempre più urbanizzato faticano a trovare luoghi adatti a nidificare.
Una coppia di Cinciallegre consuma tra i 7.000 e 8.000 insetti a settimana, mentre una sola Cinciarella, può predare più di 2,5 kilogrammi di insetti all’anno, e la sua dieta prevede anche le uova di specie entomologiche particolarmente dannose.
Avendo l’abitudine di nidificare in cavità naturali, il taglio di alberi vecchi  e maturi, ricchi di queste cavità, e la ristrutturazione di case, vecchi muri o cascine, fanno mancare a queste specie l’habitat naturale dove riprodursi.
Ecco dunque dei numeri e alcuni buoni motivi per collocare una cassetta nido!
Le cassette sono disponibili presso i banchetti che il Comitato allestirà nei nostri comuni durante la raccolta firme per la  petizione pro parco oppure durante le serate aperte al pubblico; a tal proposito ricordiamo l’incontro di giovedì 10 febbraio alle ore 21.00 a Dolzago e di giovedì 3 marzo ad Olginate.
La realizzazione delle cassette nido è stata possibile grazie al lavoro dei nostri volontari Franco e Gaetano e alla generosità di Carlino e Antonio per aver offerto il materiale ed il laboratorio. A tutti loro va il nostro sentito ringraziamento.
Cassette nido: Istruzioni per l’uso
Assemblaggio
Anche se sarà sufficiente guardare la foto qui riprodotta per avere le indicazioni su come montare la cassetta, per prima cosa occorre inchiodare i due laterali allo schienale lungo con il foro piccolo. A questo punto sarà possibile fissare il frontale con il foro grande di ingresso, ai due laterali ed in seguito, capovolgendo la cassetta, il fondo. Giriamo ora la nostra cassetta e tramite la cerniera fissiamo il tettuccio apribile. La nostra cassetta nido a questo punto è pronta.
Durante il lavoro si consiglia l’ utilizzo di guanti e occhiali di protezione.
Posa in opera
Le cassette nido potranno essere collocate in natura quanto prima, anche in inverno , in modo che gli uccelli inizino a familiarizzare.
Vanno posti con l’apertura rivolta verso sud-est, ad una altezza compresa tra 1,5 e 4 m. Nei luoghi frequentati dall’uomo collocarli più in alto , in modo che sia evitato il disturbo. Si consiglia di posarli su piante che garantiscano un buon riparo dall’eccessiva insolazione, evitando formazioni troppo fitte  o ombrose. E’ preferibile installare le cassette nido in boschi giovani e comunque privi di grandi alberi vecchi e maturi. ( chiedere sempre il permesso ai proprietari! )
Non distinguendo insetti buoni da insetti nocivi sarà nostra premura non collocarle in luoghi, o di grande interesse entomologico, come ad esempio i prati magri, o frequentati da farfalle.
Avendo il tetto apribile, sarà possibile pulire la nostra cassetta nido ad ogni autunno.
L’attività del comitato è portata avanti non senza fatica da un piccolo numero di persone che svolgono solamente opera volontaria, ma nonostante questo sono necessari fondi per sostenere spese quali affitto delle sale pubbliche per gli incontri informativi, costi di stampa dei nostri volantini e pubblicazioni, etc. Per questo motivo chiediamo a chi volesse contribuire che sono ben accette offerte indipendentemente dalla vendita dei nidi, come sempre presso i nostri banchetti o durante gli incontri in programma.
Grazie

Commenti

Aggiungi un commento