L’associazione Monte di Brianza incontra il sindaco di Brivio, Airoldi

 

 

 

L’Associazione Monte di Brianza, naturale continuazione del Comitato che ha promosso il PLIS omonimo, ha incontrato il 2 febbraio u.s. il Sindaco Airoldi e l’assessore all’Ambiente Maggi del Comune di Brivio. Comune che, con una delibera di indirizzo votata all’unanimità in C.C., ha formalizzato l’intenzione di recedere dal PLIS. In un clima di dialogo e di confronto è stato possibile far comprendere il grande lavoro svolto per arrivare all’istituzione del Parco e le grandi difficoltà che hanno segnato i primi due anni e mezzo di vita. Il PLIS non è altro che una convenzione tra comuni per la gestione di un territorio che presenta problematiche simili e che, proprio per questo, deve essere gestito su scala sovracomunale. Condizione, questa, che porrebbe le basi per catalizzare fondi diversamente difficilmente reperibili da un singolo Comune. La lentezza della macchina amministrativa, la burocrazia, le elezioni e la nuova legge di riordino delle aree verdi hanno costituito una battuta d’arresto di un iter che aveva in agenda una convenzione per la gestione del PLIS da parte di un Parco. Convenzione che si concretizzerà a breve con l’affidamento della gestione del PLIS al Parco Regionale di Montevecchia e della valle del Curone, quale volontà forte di affidare il nostro territorio ad un Ente che è un modello positivo di promozione, tutela e sviluppo del territorio. Finora l’attività del PLIS si è comunque potuta concretizzare in azioni quali: l’acquisto di attrezzature da affidare alle associazioni che si occupano di manutenzione dei sentieri, il Campo Internazionale di Legambiente in collaborazione con le associazioni e alle Protezione Civile dei paesi del PLIS con interventi di pulizia e riapertura di sentieri e mulattiere, alcuni progetti culturali, storici ed antropologici sulla castagna e sulle memorie del territorio e un progetto di riqualificazione del vecchio sedime ferroviario per la realizzazione di un percorso “ ciclo-campestre “.

 

L’obiettivo del confronto con l’Amministrazione di Brivio, era di mettere sul tavolo tutti gli elementi che potessero far sorgere un ripensamento o quanto meno il dubbio sull’opportunità della decisione adottata, e di rimarcare la bontà di un progetto che ha bisogno di lungimiranza e determinazione da parte di tutti gli amministratori dei Comuni coinvolti nel PLIS.

 

Auspichiamo pertanto che il Consiglio Comunale di Brivio, possa, alla luce delle novità che si stanno concretizzando e che dovrebbero risolvere gran parte delle criticità sollevate dall'Amministrazione briviese, rivalutare la decisione presa mantenendo la propria partecipazione al PLIS del Monte di Brianza.

 

Associazione Monte di Brianza

 

Commenti

Aggiungi un commento