Per Farfalle sul Monte di Brianza (puntata n.7)

 

Giorno 26 aprile 2011, temperatura 23°C
 
Che bello ritornare in una giornata di sole ad esplorare i prati di Marconaga!
 
L’aurora (Anthocaris cardamines) è sempre presente. I maschi hanno sul margine delle ali anteriori una vistosa macchia arancione, mentre le femmine un sottile margine nero. Entrambi i sessi presentano il rovescio con disegni verdastri e spolverature gialle. La farfalla ha una sola generazione e vola da marzo a giugno. Le uova sono deposte singolarmente sui boccioli delle piante ospiti e schiudono nel giro di una settimana. Il bruco si nutre di Brassicacee (Cardamine, ecc.) e si mimetizza facilmente con le silique (i frutti di queste piante). La crisalide ha la forma di una spina ed è svernante. Anche un altro pieride, la cedronella (Gonepteryx rhamni) è una delle prime farfalle a comparire in primavera. La pieride del navone (Pieris napi) è sempre alla ricerca di nettare nei prati e nei terreni incolti, mentre la pieride della senape (Leptidea sinapis) preferisce i margini dei sentieri.
L’icaro (Polyommatus icarus) non si allontana mai molto dai luoghi preferiti, trascorre la giornata posandosi da un fiore all’altro.
 
                                          icaro
 
La lucina (Hamerias lucina) ha le ali di colore bruno con macchie arancioni. Il bruco si nutre a spese di viole o di acetosella.
 
Tra i Ninfalidi sono presenti ancora Clossiana dia e Melitaea phoebe, di dimensioni maggiori.
 
                                         Melitaea phoebe
Oggi è possibile ammirare anche un altro ninfalide, la vanessa dell’ortica (Aglais urticae), che si posa sul terreno per scaldarsi. E’ la più diffusa tra le vanesse nostrane. Presenta le ali di colore arancione con macchie gialle e nere e con ai margini delle decorazioni azzurre. Il rovescio delle ali è mimetico e consente alla farfalla di confondersi con i tronchi degli alberi sui quali si posa. Il bruco è provvisto di numerose spine e si nutre esclusivamente di ortica. Gli  adulti svernano e ricominciano a volare la primavera successiva.
 
 

                                         vanessa dell’ortica

Altre due piccole farfalle volteggiano in questo luogo: l’arcania (Coenonympha arcania) e l’esperide Erynnis tages, dalle ali brune.
 
 
                                                   (Continua…alla prossima puntata)
 
Fotografie di Alfio Sala e Gaetano Nava


Laura Farina

Commenti

Aggiungi un commento